Ambiente Legale Digesta Novembre-Dicembre 2017

Gestione

La TARSU e il disservizio “imprevedibile” nella raccolta dei rifiuti


di Giovanna Galassi

La Tarsu è il tributo che, pur non commisurato alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti, è sopravvissuto al vaglio della Corte Ue al cospetto di un “chi inquina paga”  flessibile. È una tassa e si nega, logicamente, un collegamento con il servizio effettivamente svolto. Più prosaicamente: si paga anche quando non si usufruisce del servizio di raccolta dei rifiuti. A fronte di un certo disservizio, tuttavia, si riconosce il diritto alla riduzione, onde ripristinare un equilibrio impositivo tra l’ammontare della tassa (che comunque va pretesa) e i costi generali del servizio municipale. Nell’eterno gioco delle parti, l’amministrazione comunale obietta che il disservizio è imprevedibile e non ha colpa, ma per una volta il contribuente, sommerso dai sacchetti della spazzatura, ne esce trionfante e in assenza di agevole e ordinaria fruizione può consolarsi con lo sconto, qualora provi che la disfunzione lo abbia interessato direttamente. Le critiche non mancano, ma forse la Cassazioneha ragione.


LEGGI DI PIU'

Sommario
aggiornamento
focus
gestione
231 anticorruzione
albo