Ambiente Legale Digesta Settembre-Ottobre 2017

Gestione

Il peso da verificarsi a destino e il controllo delle giacenze: consigli operativi per una corretta tracciabilità


di Chiara Fiore


Una delle domande più frequenti da parte dei produttori di rifiuti è quella di comprendere come “sistemare”  le giacenze che si generano – in via del tutto involontaria – quando il produttore si avvale – nella compilazione del formulario della dicitura “peso da verificarsi a destino”. Ed infatti, a causa del naturale discostamento tra il peso in partenza  e il peso a destinazione  si generano delle differenze di peso – anche nel relativo registro di carico e scarico – che potrebbero ingenerare il sospetto che siano rimasti dei rifiuti nel deposito temporaneo. Tuttavia, la preoccupazione di “far tornare i conti” non sempre è foriera di buone prassi. Ecco quindi, qualche consiglio pratico per mantenere una corretta e veritiera tracciabilità senza stravolgere la ratio  della normativa.


ACCEDI PER LEGGERE

Sommario
aggiornamento
focus
gestione
il punto sull'albo
231 anticorruzione